Non è così complicato come si pensa

Iniziare ad occuparsi di radio, giradischi, amplificatori, televisori potrebbe essere una opportunità che vi premette innanzitutto di LAVORARE DA CASA ed inoltre potrebbe garantivi un reddito importante.
Anche negli anni precedenti il 1980 molti utilizzavano il garage oppure ambienti messi a disposizione, per potere eseguire l’attività di radiotecnico. Ricordo in un paese vicino a Cremona un signore che faceva il sagrestano e nei locali attigui alla chiesa aveva allestito un piccolo laboratorio di riparazioni.

UTENSILI
Serve una serie di cacciaviti, la base, piccoli, medi con terminate a “taglio” e a “stella”, una forbice, una tronchesina possibilmente isolati , una pinza a becchi e una pinza normale, una pinzetta possibilmente isolata. Con il tempo e iniziando gli interventi potrete acquistare altri utensili e arricchire la vostra dotazione

ATTREZZATURA
Un buon saldatore con punta intercambiabile e una “pompetta” comunemente chiamata “aspira-stagno” e naturalmente lo stagno possibilmente con pasta “salda” incorporata ma va bene anche la scatoletta separata di questo componente. Successivamente potrete acquistare anche una “stazione” saldante che comprenda anche la regolazione della temperatura trasmessa alla punta saldante in modo dapotee intervenire anche sulle parti più delicate.

STRUMENTI
Lo strumento più importante è il multimetro detto anche “Tester” che vi permette di ottenere risposte nei controlli sopratutto della continuità dei circuiti, delle tensioni e dei valori di resistenza.
Con il tempo e con l’esperienza acquisita potrete senza dubbio permettervi di dotarvi di strumenti adeguati per la risoluzioni di problemi complessi.

Il banco per le riparazioni

Come è possibile notare si tratta di un banco (tavolo) che ha in posizione frontale una serie di ripiani in cui posizionare gli strumenti di misura. Non spaventatevi! Sappiate che qualche anno fa avevo solo le cose che vi ho descritto sopra e sul banco (era inizialmente un semplice tavolo) un saldatore da pochi euro.
Si comincia così e poi si cresce.

Precedente Tutti alla ricerca di tutto Successivo C'era una volta